Il mutamento sociale ed economico che non ti aspetti

196

Giovedì 11 novembre la presentazione del volume di Piero Bargellini “L’economia dell’autoproduzione”, con la partecipazione di Stefania Saccardi, vice presidente della Regione Toscana

C’è qualcosa – e non è poco – che il Pil non rileva e che le statistiche fanno fatica a misurare; c’è un segmento economico che anche i giornali non hanno preso in considerazione; aspetti rilevanti del vivere civile che restano nell’ombra degli analisti. Con tutto questo si cimenta Piero Bargellini, pistoiese già coinvolto nelle Acli, oggi membro dell’Ufficio per la Pastorale Sociale e del lavoro della Diocesi di Pistoia nonché collaboratore del settimanale La Vita.

Il suo ultimo libro, L’economia dell’autoproduzione. Il mutamento sociale e il volontariato (edizioni Mauro Pagliai, Firenze 2021, pp. 144) propone infatti una lettura alternativa di dinamiche sociali ed economiche poco o per niente osservate ed è arricchito da due interviste a Stefano Casini, direttore Irpet, e a don Bruno Bignami, direttore nazionale della Pastorale Sociale e del Lavoro.

Il volume sarà presentato giovedì 11 novembre alle ore 17.15 nell’Aula Magna del Seminario Vescovile di Pistoia e accompagnato dal contributo di Stefania Saccardi, vice presidente della Regione Toscana. Modererà l’incontro l’onorevole Renzo Innocenti.

«In 40 anni — scrive Bargellini — ben 10 milioni di persone hanno cambiato residenza uscendo dalla città, stabilendosi nel “borgo”, dove i diritti individuali esistono ma esiste anche un “bene comune” assente nei condomini cittadini». Nell’esteso e spesso muto per studiosi e rilevatori di statistica, spazio della provincia, «lo scambio economico del “piccolo gruppo” risulta enormemente più efficiente rispetto a quello dell’economia globalizzata: il primo si basa sulla fiducia reciproca, il secondo sulla assoluta sfiducia degli attori economici.

Emerge — afferma Bargellini, la categoria di “famiglia relazionale”, cioè una famiglia che ha diverse residenze anagrafiche, ma agisce come un unico corpo. L’autoproduzione e il volontariato sono segmenti economici non solo mai osservati, ma neppure contabilizzati nel Pil perchè non lasciano alcuna traccia monetaria. Di là dall’orizzonte — sostiene Bargellini — si intravede un conflitto, per ora latente, tra una società globalizzata e finanziarizzata e una che produce benefici senza utilizzare la moneta come mezzo di scambio».
«In questo quadro — conclude — la Chiesa è rimasta l’unica istituzione che si basa sulla fiducia reciproca, agisce come “piccolo gruppo”, è presente capillarmente su tutto il territorio».

Per la presentazione di giovedì 11 sarà richiesto Green Pass. Per accedere al Seminario e al parcheggio l’ingresso è da Via Bindi.
Info: pastoralesociale@diocesipistoia.it