Serena e Francesco, sposi e animatori dell’oratorio

121

Insieme accanto a bambini e ragazzi. Serena Gelli e il marito Francesco Messina si sono messi in gioco per organizzare il centro estivo della parrocchia di Fornacelle. «Avevamo in mente — raccontano — di avvicinare i giovani alla vita di don Bosco, un santo a noi caro perché ha speso la sua vita per i giovani. Così abbiamo dato il titolo del centro estivo “Sulle orme di don Bosco” per provare a seguirlo guardandolo come un maestro. I bambini si sono interessati alla sua storia guardando le diapositive e il film sul santo. Dopo due settimane di centro estivi siamo riusciti a proporre alla parrocchia una recita rappresentando gli eventi più importanti del santo».

Da questa bella esperienza è nato il desiderio di proporre un percorso tutto l’anno, così, spiega Serena «per l’anno scolastico abbiamo deciso di fissare un appuntamento fisso con i bambini. Tutte le domeniche ci troviamo per giocare, cantare, pregare e fare merenda insieme. Con gli animatori ci troviamo tutti i martedì sera per organizzare e preparare l’oratorio ». «Proviamo a fare servizio e a stare bene insieme, gli animatori chiamano sempre dei loro amici e sembrano contenti di far conoscere quello che vivono in parrocchia».

«Io e Serena — racconta Francesco — siamo sposati da un anno e mezzo, siamo insegnanti, ci siamo conosciuti facendo volontariato nell’Operazione Mato Grosso e siamo stati un anno in missione in Perù in tempi diversi. Questa esperienza ci fatto vedere meglio la nostra vocazione da laici e vogliamo semplicemente fare qualcosa di buono al servizio del prossimo. L’oratorio è un impegno da vivere e pensare giorno per giorno mettendo il meglio di noi stessi»