Eventi

Indignatevi! Riecheggiare il grido delle rivolte giovanili nel Mediterraneo

Pistoia è desolatamente qualunquista: comunque vada nessuno ci sveglia dall’indifferenza. L a c o n t i n u a emorragia di posti di lavoro, la minacciata riduzione dei servizi per l’infanzia ed il trasporto, la cultura che parla solo al passato e vive di analisi erudite su cavilli interpretativi composti di vestigia polverose, l’allineamento e fagocitamento di ogni opposizione critica o viceversa lo schiacciamento, sono gli effetti di un andazzo determinato dalla solita frase: -poteva anche andare peggio – che rendono l’ambiente sociale e culturale asfissiante, ma al contempo resiliente a qualunque tentativo di cambiamento. Continua a leggere Indignatevi! Riecheggiare il grido delle rivolte giovanili nel Mediterraneo

Costruire per crescere o per distruggere

Dopo il crollo delle mura urbane

Marinella Sichi La Vita n. 33 25 settembre 2011

l’autostrada in direzione di Lucca, la grossa ferita prodotta dalla cava sul versante di Monsummano Alto fa inorridire ed ogni volta ci chiediamo chi è stato così idiota da consentire questo scempio. Oggi facciamo di peggio. Scavi sotterranei per ogni dove caratterizzano la nostra penisola dalle Alpi alla Sicilia. Anche a Pistoia nel suo piccolo, ma nel suo grande se rapportato al numero di abitanti, si continua a costruire e scavare ovunque. Continua a leggere Costruire per crescere o per distruggere

Carceri, un sistema al collasso

Non è una notizia che le carceri italiane siano al collasso e che il sovraffollamento abbia indotto la Corte europea per i diritti umani a dichiararle “strumenti di tortura”, sorprende invece che non vi venga posto alcun rimedio. Le denunce arrivano da più parti. Mentre Marco Pannella portava avanti lo sciopero della fame per 65 giorni ed una settimana quello della sete, l’associazione Antigone denunciava attraverso i dati che la popolazione carceraria è aumentata del 50% negli ultimi 3 anni, superando di 20 mila persone i limiti regolamentari. Nel frattempo a Pisa si è concluso un fondamentale convegno delle Camere penali, con i più importanti giuristi incaricati di studiare (da undecennio) il nuovo codice penale; mancava solo Pisapia attuale sindaco di Milano, ma il cui pensiero è ben noto. Infine a Firenze viene presentato un libro Quando hanno aperto la cella. Stefano Cucci e gli altri di Valentina Calderone e Luigi Manconi Continua a leggere Carceri, un sistema al collasso

L’Europa prigioniera dell’Euro

Marinella Sichi dal n. 25 del 26 giugno 2011
La preoccupazione è alle stelle. Durante l’ultimo incontro dei ministri delle finanze dei paesi che hanno adottato l’euro, si sono riscontrate grandi inquietudini e posizioni molto distanti. È vietato parlare di Europa a due velocità, ma la Germania e il gruppo dei paesi nordici sono preoccupati di dover pagare i conti dei paesi meno virtuosi, in pratica l’Europa Mediterranea. Mentre le principali economie del Nord Europa hanno recuperato il terreno perduto (in taluni casi il Pil del 2011, rispetto a quello del 2005, è cresciuto di alcune decine di punti), nel Sud Europa la ripresa è lenta. Nel caso italiano, ad esempio, oltre all’aggravarsi del debito pubblico cresciuto del 14,3%, si registra una debole ripresa (il Pil attuale è ancora sotto di un punto, rispetto a quello raggiunto nel 2005 e la produzione industriale registra una flessone di meno 11,4%, nello stesso periodo). Continua a leggere L’Europa prigioniera dell’Euro

Corpo sociale e democrazia

Partendo dal grandioso passaggio all’età dei lumi, Roberta De Ponticelli individua l’elemento caratteristico fondamentale della modernità nella supremazia dell’individuo rispetto alla collettività. La differenza tra il prima e il dopo è l’affermazione della ragione, che diviene sinonimo di autonomia. Da qui scaturiscono gli stati di diritto ed il conseguente mutamento della maturità morale, non più imposta dall’esterno, ma autonoma. Chi è autonomo non dipende più dall’autorità altrui, ma si realizza nell’esercizio disciplinato della propria libertà, cioè nella capacità di darsi una legge e una coerenza. Continua a leggere Corpo sociale e democrazia