Eventi

Il referendum e gli strumenti di partecipazione

Perché dobbiamo andare a votare di Marinella Sichi dal n. 23 del 12 giugno 2011 Il 12 e 13 giugno tutti i cittadini italiani sono chiamati ad esprimere il loro parere su quattro questioni referendarie. Due riguardano l’acqua, una terza il nucleare e la quarta la norma relativa al legittimo impedimento. Non scendiamo nel dettaglio del significato dei quattro quesiti, di cui ormai il nostro lettore si è fatto un’idea, ma piuttosto genericamente su questo strumento di democrazia diretta. Hanna Arendt affermava che la democrazia si costruisce ogni giorno, intendendo che essa non è una costante. Non si può stabilire la democrazia a tavolino, scrivendo una Costituzione e delegando un gruppo di eletti a rappresentarci, ma deve essere verificata ogni giorno, da tutti. Solo con la continua attenzione quotidiana l’opinione pubblica può reclamare un intervento piuttosto che un altro. Continua a leggere Il referendum e gli strumenti di partecipazione

Fukushima può cambiare tutto

24 aprile 2011

La storia di Fukushima ha senza dubbio fatto il suo corso. La probabilità di una catastrofica fusione sembra possibile, confermata da alti livelli di radiazione nel tratto di mare vicino alla centrale. Questo ha costretto anche l’informazione a prendere a cuore l’argomento, suscitando emozioni, senza però allargare di molto il dibattito sulle pericolosità intrinseche nella produzione energetica attraverso il nucleare. Nonostante ciò, quanto è successo ha convinto molti sinceri apprezzatori a cambiare atteggiamento verso l’atomo, mettendo fine all’entusiastico sostegno pro nucleare degli ultimi anni. Continua a leggere Fukushima può cambiare tutto