Eventi

Il passo dei giovani LA MARCIA PER LA PACE

Perugia-Assisi: dieci proposte per “un obiettivo comune”

Dai bambini ai “giovani del 1961”, un lungo corteo si è snodato il 25 settembre da Perugia ad Assisi per la 19ª edizione della Marcia della pace. Classi scolastiche dal nord al sud con i rispettivi insegnanti, gruppi dell’associazionismo laico e cattolico, rappresentanti degli enti locali hanno camminato verso la città di san Francesco “per la pace e la fratellanza dei popoli”. Una data significativa, questa, perché cade a 50 anni dalla prima marcia, voluta da Aldo Capitini nel 1961 proprio con il medesimo slogan. Un “significativo traguardo”, ha scritto in un telegramma alla Tavola della pace il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Continua a leggere Il passo dei giovani LA MARCIA PER LA PACE

Indignatevi! Riecheggiare il grido delle rivolte giovanili nel Mediterraneo

Pistoia è desolatamente qualunquista: comunque vada nessuno ci sveglia dall’indifferenza. L a c o n t i n u a emorragia di posti di lavoro, la minacciata riduzione dei servizi per l’infanzia ed il trasporto, la cultura che parla solo al passato e vive di analisi erudite su cavilli interpretativi composti di vestigia polverose, l’allineamento e fagocitamento di ogni opposizione critica o viceversa lo schiacciamento, sono gli effetti di un andazzo determinato dalla solita frase: -poteva anche andare peggio – che rendono l’ambiente sociale e culturale asfissiante, ma al contempo resiliente a qualunque tentativo di cambiamento. Continua a leggere Indignatevi! Riecheggiare il grido delle rivolte giovanili nel Mediterraneo

Costruire per crescere o per distruggere

Dopo il crollo delle mura urbane

Marinella Sichi La Vita n. 33 25 settembre 2011

l’autostrada in direzione di Lucca, la grossa ferita prodotta dalla cava sul versante di Monsummano Alto fa inorridire ed ogni volta ci chiediamo chi è stato così idiota da consentire questo scempio. Oggi facciamo di peggio. Scavi sotterranei per ogni dove caratterizzano la nostra penisola dalle Alpi alla Sicilia. Anche a Pistoia nel suo piccolo, ma nel suo grande se rapportato al numero di abitanti, si continua a costruire e scavare ovunque. Continua a leggere Costruire per crescere o per distruggere

Individualismo o solidarietà

di Giordano Frosini  25 settembre 2011 La Vita n. 33

A questo punto non ci dovrebbe essere nessuno che si fa illusioni o che, magari per qualche interesse più o meno inconfessato, intende chiudere gli occhi dinanzi alla realtà: il nostro paese, forse più di ogni altro, versa in una crisi profonda e difficilmente superabile. Essa ci investe da un capo all’altro della nostra vita associata. Non c’è più un capitolo che ne sia rimasto indenne: l’economia, la politica, la società, la famiglia, l’ordine internazionale, la scuola, la cultura, l’ecologia, i rapporti interpersonali. E chi più ne ha più ne metta. Continua a leggere Individualismo o solidarietà

Una solidarietà in stile fiorentino

Opera della Divina Provvidenza Madonnina del Grappa

Continuità e riservatezza sono le caratteristiche del nostro agire di Vincenzo Russo

Una storia che appartiene a pieno titolo alla città di Firenze ed alla Toscana quella che vede nell’agire dell’Opera Madonnina del Grappa, da quasi un secolo, l’attenzione rivolta ai deboli. Una scelta che e scaturita e cresciuta in simbiosi con i bisogni della collettivita e che ha prodotto un “modello toscano” di solidarieta. Il nostro stile non attiene solo all’arte, alla nostra storia, esso ha prodotto un carattere civico specifico nel quale ci distinguiamo e nel quale l’Opera si riconosce. Ecco quindi che la scelta dei poveri, per l’Opera, e un principio non negoziabile. Continua a leggere Una solidarietà in stile fiorentino